Altare Maggiore Cipta - part. Icona 18 Maggio 2016RestauroL'abito del 1728I luoghiLa CriptaLa CriptaCinque x mille
news

Mons. Claudio Maniago, Vescovo di Castellaneta, scrive ai presbiteri e ai diaconi dando comunicazioni riferite, oltre che alle dovute attenzioni e indicazioni per questi primi tempi della ripresa, anche alla data del 28 maggio 2020, giorno in cui sarà celebrata la Messa Crismale, alla presenza dei presbiteri, diaconi, religiose, seminaristi e membri del Consiglio Pastorale Diocesano. Si provvede così a colmare un vuoto celebrativo importantissimo, normalmente vissuto durante la Settimana Santa con la benedizione degli Olii Sacri, che si era venuto a creare, causato dalla pandemia che ha comportato la chiusura delle chiese d’Italia per i tempi che conosciamo.
La Santa Messa Crismale sarà celebrata nella Chiesa parrocchiale del Cuore Immacolato di Maria a Castellaneta, con inizio alle ore 20.30, con la trasmissione in diretta attraverso i soliti canali diocesani ....

Pagine

Le Ultime News

03 Aprile 2020

Diocesi di Castellaneta
Celebrazione eucaristica presieduta dal nostro Vescovo
I sette dolori della Beata Vergine Maria
Venerdì 3 aprile 2020, ore 18.30
in diretta streaming su ….

02 Aprile 2020

Comunicato stampa della Caritas Italiana del 01.01.2020 sull’emergenza Coronavirus: quadro degli interventi Caritas, le prospettive, le speranze.

«Radicati nella fede, è importante camminare insieme con spirito, cuore e testa». Così Il Presidente di Caritas Italiana, S.E. Mons. Redaelli si è rivolto ai delegati regionali e agli altri membri del Consiglio nazionale, riuniti on line il 30 e 31 marzo, ringraziandoli per quanto stanno facendo nelle varie Diocesi per non far mancare la presenza concreta accanto ai più bisognosi. Oltre 2 milioni di euro dei 10 milioni messi a disposizione dalla Conferenza Episcopale Italiana sono stati subito utilizzati dalle 218 Caritas diocesane per interventi di prima emergenza. La Presidenza ha poi deciso di destinare subito altri 4 milioni di euro per le attività delle Caritas diocesane che sono state maggiormente colpite dalla pandemia.

È possibile sostenere gli interventi di Caritas Italiana (Via Aurelia 796 - 00165 Roma), utilizzando il conto corrente postale n. 347013, o DONAZIONE ON-LINE, o bonifico bancario (causale “Emergenza Coronavirus”) tramite:
• Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT24 C050 1803 2000 0001 3331 111
• Banca Intesa Sanpaolo, Fil. Accentrata Ter S, Roma – Iban: IT66 W030 6909 6061 0000 0012 474
• Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013
• UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119

02 Aprile 2020

Calendario delle Celebrazioni Liturgiche della Settimana Santa che il nostro Vescovo officierà nella Parrocchia di S. Domenico in Castellaneta (la Cattedrale è chiusa per restauri), senza concorso di popolo:
- 5 aprile 2020, ore 10.00 - Domenica delle Palme
- 9 aprile 2020, ore 10.00 - Giovedì Santo - Santa Messa nella Cena del Signore
- 10 aprile 2020, ore 16.00 - Venerdì Santo - Celebrazione della Passione del Signore
- 11 aprile 2020, ore 22.30 - Veglia Pasquale
- 12 aprile 2020, ore 10.00 - Santa Messa di Pasqua

31 Marzo 2020

A seguito della disposizione odierna del Vescovo circa l’apertura delle chiese durante i giorni della Settimana Santa (4 – 12 aprile 2020), preciso quanto segue, in riferimento al punto 5. della citata disposizione:
5. in orari stabiliti e osservando le disposizioni governative:
a. il Santuario osserverà in quei giorni l’orario solito della apertura del mattino, ovvero dalle ore 08.00 alle ore 11.30;
b. le disposizioni governative sono state chiarite dalla Nota del Ministero dell’Interno – Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione - Direzione centrale degli affari dei culti
- indirizzata al Sottosegretario della CEI – Conferenza Episcopale Italiana in data 27 marzo
2020, la quale cosi si esprime: l’accesso alla chiesa avvenga solo in occasione di spostamenti determinati da “comprovate esigenze lavorative”, ovvero per “situazioni di necessità” e che la chiesa sia situata lungo il percorso, di modo che, in caso di controllo da parte delle forze di Polizia, possa esibirsi la prescritta autocertificazione o rendere dichiarazione in ordine alla sussistenza di tali specifici motivi.
A tenore di tale autorevole interpretazione, ne deriva che l’accesso legittimo alla chiesa del
Santuario - secondo quanto chiarito dalla Nota sopracitata - e l’osservanza delle altre disposizioni relative al contenimento della propagazione del Covid 19 (distanze minime fra le persone, utilizzo di guanti e mascherine ecc.) sono rimesse alla responsabilità dei singoli fedeli, con la precisazione che qualsivoglia violazione di tali disposizioni sarà immediatamente denunciata alle autorità competenti per la tutela del bene primario della salute pubblica.

Laterza, 31 marzo 2020

Il Rettore
Sac. Domenico L. Giacovelli

31 Marzo 2020

Castellaneta, 30 marzo 2020

Cari fratelli e care sorelle,

ci avviamo a concludere il tempo quaresimale e si delinea all'orizzonte la Grande Settimana che ci porterà alla Pasqua. Continua ad essere un periodo di emergenza dovuto al terribile coronavirus che ci sottopone a diversi "digiuni", costringendoci a restare a casa, lontano dal nostro lavoro, dai nostri interessi e talvolta anche dai nostri affetti e privando le nostre comunità della normale celebrazione dell'Eucaristia e degli altri sacramenti oltre che dei momenti più importanti della loro vita ordinaria. Si tratta di un grande sacrificio di cui ancora non si vede il termine anche se speriamo che sia davvero vicino.

In questa faticosa quaresima segnata per tutti da afflizione e paura e anche da sofferenza, la preghiera personale particolarmente intensa, quella nelle nostre famiglie e anche quella in qualche modo comunitaria attraverso l'uso dei media, ci è stata di consolazione, di forza e anche di sostegno nei momenti in cui la nostra speranza è stata più fragile. Un dono che abbiamo sentito particolarmente significativo e di cui rendiamo grazie al Signore è il ministero di Papa Francesco che con mitezza paterna e fortezza evangelica si fa interprete del grido dell'umanità ferita e al tempo stesso ci testimonia una vicinanza di Dio così concreta e umana in questo momento storico così particolare.

L'emergenza sanitaria che stiamo vivendo condizionerà inevitabilmente anche la Settimana Santa, così cara al nostro cammino di fede per la celebrazione del Triduo Pasquale e per le manifestazioni della pietà popolare che lo preparano e lo accompagnano per aiutarci a viverlo con una partecipazione più consapevole: dovremo vivere questi giorni santi in un modo penalizzato, privandoci delle nostre processioni, delle Via Crucis e altre manifestazioni tradizionali, ma soprattutto non ci sarà possibile essere fisicamente presenti ai vari momenti del Triduo che saranno celebrati a porte chiuse, senza la presenza del popolo. Concretamente quindi, in accordo con i Decreti della Congregazione del Culto Divino e la Disciplina dei sacramenti del 19 e 25 marzo 2020 e le Indicazioni della Conferenza Episcopale Italiana del 25 marzo 2020, per la Settimana Santa dispongo quanto segue: .....

30 Marzo 2020

Reso noto dalla Sala stampa della Santa Sede il calendario delle Celebrazioni Liturgiche della Settimana Santa presiedute dal Santo Padre Francesco (agg. 27.03.2020).
…. «Si comunica, pertanto, che il Santo Padre celebrerà i Riti della Settimana Santa all’Altare della Cattedra, nella Basilica di San Pietro, secondo il seguente calendario e senza concorso di popolo: ….» ….

30 Marzo 2020

Ai Reverendi Signori
Signori Parroci
Diocesi di Castellaneta
SEDE

Poiché la situazione attuale non permette al momento di prevedere possibili sviluppi cronologici certi, la Cancelleria vescovile offre alcune indicazioni – redatte in estrema sintesi al fine di renderle estremamente pratiche – per lo svolgimento delle istruttorie matrimoniali e di problematiche connesse (segue ....)

30 Marzo 2020

Nei giorni scorsi alcune coppie di futuri sposi hanno provveduto a modificare la data prescelta per la celebrazione delle nozze presso il Santuario.
Di seguito (all'interno della della news) è rappresentata la situazione così come appare al 29 marzo, con l’aggiunta delle sole iniziali degli sposi (per evidenti ragioni di privacy) perché ciascuna delle coppie possa assicurarsi dell’avvenuto cambio. Infatti, il succedersi repentino delle richieste in poche ore potrebbe aver indotto in qualche errore non voluto. Ad ogni modo, si segnala la necessità di riferirsi sempre al Rettore per ogni evenienza.
In ordine, però, alla celebrazione del rito si deve per il momento considerare quanto riportato dalla Nota del Ministero dell’Interno – Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione - Direzione centrale degli affari dei culti - indirizzata al Sottosegretario della CEI – Conferenza Episcopale Italiana in data 27 marzo 2020:
«Analoghe considerazioni possono essere estese ai matrimoni che non sono vietati in sé, in quanto la norma inibisce le cerimonie pubbliche, civili e religiose, al fine di evitare assembramenti che siano occasione di contagio virale.
Ove dunque il rito si volga alla sola presenza del celebrante, dei nubendi e dei testimoni – e siano rispettate le prescrizioni sulle distanze tra i partecipanti – esso non è da ritenersi tra le fattispecie inibite dall’emanazione delle norme in materia di contenimento dell’attuale diffusione epidemica di Covid -19».

27 Marzo 2020

Abbonamento a Santuario Mater Domini Laterza RSS

Seguici su
Twitter Facebook Google 
 
 

Iscriviti alla nostra newsletter

* obbligatorio
 

Redazione
info@santuariomaterdominilaterza.it

Per informazioni e pubblicità
Mariano Cangiulli
Tel  039.83.10.35
Cell 333.6907999
mariano.cangiulli@gmail.com