Altare Maggiore Cipta - part. Icona 18 Maggio 2016RestauroL'abito del 1728I luoghiLa CriptaLa CriptaCinque x mille

Le Ultime News

31 Gennaio 2024

Giovedì 1° Febbraio 2024 alle ore 18:00 presso il Convento San Francesco di Castellaneta, Mons. Sabino Iannuzzi presiederà la Celebrazione Eucaristica con i membri degli istituti religiosi presenti in Diocesi in occasione della 28.ma Giornata diocesana di preghiera per la Vita Consacrata ....

30 Gennaio 2024

Santuario diocesano Santa Maria Mater Domini
Venerdì 2 febbraio 2024
Presentazione di Gesù al Tempio
Festa della Candelora

La Candelora è la festa della presentazione di Gesù al Tempio, l'episodio dell'infanzia di Gesù riferito dal Vangelo secondo Luca: 40 giorni dopo la nascita, Giuseppe e Maria portarono Gesù al Tempio di Gerusalemme per presentarlo ufficialmente a Dio.
La Celebrazione prenderà avvio al Santuario alle ore 19.00 con la tradizionale cerimonia di benedizione delle candele, simbolo della luce e dell'uscita dalle tenebre ....

29 Gennaio 2024

Dal 1° febbraio p.v. il rev. P. Antonio Pensabene, della Congregazione dei Missionari Monfortani, accolto ad experimentum nel presbiterio diocesano, è nominato Vicario parrocchiale della Parrocchia “S. Lorenzo” in Massafra ....

27 Gennaio 2024

4 febbraio 2024 - 46^ Giornata Nazionale per la Vita sul tema «La forza della vita ci sorprende. “Quale vantaggio c’è che l’uomo guadagni il mondo intero e perda la sua vita?” (Mc 8,36)». Nella news il Messaggio del Consiglio Episcopale Permanente della CEI ….

25 Gennaio 2024

Reso noto lo stemma episcopale scelto da Mons. Biagio Colaianni per la sua missione pastorale come Arcivescovo metropolita della Diocesi di Campobasso-Bojano ….

Lo stemma araldico di S.E. Mons. Biagio Colaianni, eletto alla sede metropolitana di Campobasso-Bojano rappresenta, secondo la simbologia odierna, le origini del titolare e la sua missione; la sua storia, la formazione e il programma del suo ministero di pastore nella e per la Chiesa nella quale è stato inviato come Angelo (cf. Ap. 2-3), Sposo e Pastore.

Tutto ciò è espresso attraverso la riflessione cristologico-mariana così come leggiamo nella lettera ai Ga- lati 4,4-5 «[…] quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l’adozione a figli». L’incarna- zione è come momento unitivo del cielo con la terra, del ritorno dell’amicizia tra Dio e l’uomo, del Dio che non vuole abitare i cieli o in una casa costruita da mani d’uomo (cf. 2Cor 5, 1) ma nel cuore dell’uomo così come sottolinea san Leone Magno: «Riconosci, cristiano, la tua dignità […] Ricordati chi è il tuo Capo e di quale Corpo sei membro. Ricordati che […] con il sacramento del battesimo sei diventato tempio dello Spirito Santo!» (Dai Discorsi di san Leone Magno, papa; Disc. 1 per il Natale, 1-3; Pl 54, 190-193). Con il Fiat di Maria il Verbo si è fatto carne e l’uomo è nuovamente introdotto nella amicizia con Dio.
Lo scudo scelto è quello sannitico, in riferimento al popolo ....

24 Gennaio 2024

Appuntamento mensile con l’allegato bollettino di cura spirituale “La Voce del Santuario Mater Domini”. La diffusione periodica avviene il giorno 20 di ogni mese con particolare riferimento al 20 Maggio, giorno in cui i Laertini festeggiano dal 1728 in poi l’augusta Patrona, Maria SS.ma Mater Domini ....

22 Gennaio 2024

Nella news alcuni scatti della Celebrazione al Santuario di domenica 21 Gennaio 2024, nella quale il Corpo della Polizia Locale di Laterza ha commemorato la festa del Patrono, San Sebastiano ....

22 Gennaio 2024

Messaggio di Papa Francesco per la XXXII Giornata Mondiale del Malato che ricorre l’11 febbraio, memoria liturgica della Beata Vergine Maria di Lourdes, sul tema: “«Non è bene che l’uomo sia solo». Curare il malato curando le relazioni”.

«Non è bene che l’uomo sia solo» (Gen 2,18). Fin dal principio, Dio, che è amore, ha creato l’essere umano per la comunione, inscrivendo nel suo essere la dimensione delle relazioni. Così, la nostra vita, plasmata a immagine della Trinità, è chiamata a realizzare pienamente sé stessa nel dinamismo delle relazioni, dell’amicizia e dell’amore vicendevole. Siamo creati per stare insieme, non da soli. E proprio perché questo progetto di comunione è inscritto così a fondo nel cuore umano, l’esperienza dell’abbandono e della solitudine ci spaventa e ci risulta dolorosa e perfino disumana. Lo diventa ancora di più nel tempo della fragilità, dell’incertezza e dell’insicurezza, spesso causate dal sopraggiungere di una qualsiasi malattia seria.
Penso ad esempio a quanti sono stati terribilmente soli, durante la pandemia da Covid-19: pazienti che non potevano ricevere visite, ma anche infermieri, medici e personale di supporto, tutti sovraccarichi di lavoro e chiusi nei reparti di isolamento. E naturalmente non dimentichiamo quanti hanno dovuto affrontare l’ora della morte da soli, assistiti dal personale sanitario ma lontani dalle proprie famiglie.
Allo stesso tempo, partecipo con dolore alla condizione di sofferenza e di solitudine di quanti, a causa della guerra e delle sue tragiche conseguenze, si trovano senza sostegno e senza assistenza: la guerra è la più terribile delle malattie sociali e le persone più fragili ne pagano il prezzo più alto.
Occorre tuttavia sottolineare che, anche nei Paesi che godono della pace e di maggiori risorse, il tempo dell’anzianità e della malattia è spesso vissuto nella solitudine e, talvolta, addirittura nell’abbandono.
Questa triste realtà è soprattutto conseguenza della cultura dell’individualismo, che esalta il rendimento a tutti i costi e coltiva il mito dell’efficienza, ....

22 Gennaio 2024

Riprendiamo e pubblichiamo il Messaggio della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana in vista della scelta di avvalersi dell’Insegnamento della religione cattolica (IRC) nell’anno scolastico 2024/25.
I dati relativi all’anno scolastico 2022/23 restituiscono un quadro di sostanziale stabilità, con una media nazionale di avvalentisi pari all’84,05%.

Cari studenti e cari genitori,
nelle prossime settimane si svolgeranno le iscrizioni al primo anno dei diversi ordini e gradi di scuola. In questa occasione, dovrà essere effettuata anche la scelta se avvalersi o meno dell’insegnamento della religione cattolica (Irc). Vi invitiamo a considerarla una preziosa opportunità formativa, che arricchisce il percorso scolastico promuovendo la conoscenza delle radici e dei valori cristiani della cultura italiana.
Sono trascorsi quasi quarant’anni da quando, con l’Accordo di revisione del Concordato del 1984 e la successiva Legge di ratifica del 1985, l’insegnamento della religione ha assunto il profilo attuale: quello di una disciplina scolastica aperta, aggiornata dal punto di vista pedagogico e didattico, adeguata all’oggi, attenta ai bisogni educativi delle persone e condotta nel rispetto più assoluto della libertà di coscienza di ognuno. Un valido momento di studio e di dialogo, fatto proprio ogni anno dalla stragrande maggioranza di studenti e di famiglie.
L’ampia partecipazione attesta la qualità formativa di tale insegnamento e, allo stesso tempo, richiama a una responsabilità e a un’attenzione da parte di tutti; la relazione che si instaura fra insegnanti e alunni fa sì che ....

21 Gennaio 2024

Diocesi di Castellaneta
Servizio per la Pastorale Giovanile

Incontro per i responsabili delle realtà giovanili presenti nella nostra Diocesi
“Lì dove siamo, come siamo con chi siamo”

con don Davide Abascià, Incaricato regionale per il Servizio di Pastorale Giovanile

Venerdì 26 gennaio 2024, ore 19.30
Centro Pastorale “Lumen Gentium” - Castellaneta ....

20 Gennaio 2024

Arcidiocesi di Matera-Irsina

Ordinazione Episcopale di S. E. Rev.ma Mons. Biagio Colaianni
eletto da Papa Francesco Arcivescovo Metropolita di Campobasso-Bojano

Sabato 10 Febbraio 2024, ore 16.00, presso il PALASASSI ”S. Bagnale” di Matera ....

18 Gennaio 2024

Si terrà presso la Concattedrale Gran Madre di Dio di Taranto, Domenica 21 gennaio 2024 alle ore 17.00, l’Ordinazione Episcopale di S. E. Mons. Giuseppe RUSSO, Vescovo eletto di Altamura – Gravina – Acquaviva delle Fonti.
La celebrazione eucaristica sarà presieduta da S. E. Mons. Ciro MINIERO, Arcivescovo Metropolita di Taranto, e dai con-consacranti S.E. Mons. Nunzio GALANTINO, Presidente Emerito dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica e S.E. Mons. Domenico POMPILI, Vescovo di Verona.

Mons. Russo farà il suo ingresso nella Diocesi di Altamura – Gravina – Acquaviva delle Fonti domenica 11 febbraio 2024 ....

Abbonamento a Santuario Mater Domini Laterza RSS

Seguici su
Twitter Facebook Google 
 

Iscriviti alla nostra newsletter

* obbligatorio
 

Redazione
info@santuariomaterdominilaterza.it

Per informazioni e pubblicità
Mariano Cangiulli
Tel  039.83.10.35
Cell 333.6907999
mariano.cangiulli@gmail.com